cerca con PagineSì:
categorie

abiti da cerimonia
abiti su misura
acconciature
addobbi floreali
agenzie immobiliari
alluminio lavorazione
amministrazione condomini
architettura di interni
arredamento
arredo bagno
arredo giardino
articoli da regalo e liste di nozze
ascensori
autonoleggio
biliardi
bomboniere
bricolage
caffè
calcestruzzi e inerti
caminetti e stufe
canali di gronda
canne fumarie
carburanti e combustibili
carpenteria metallica
controsoffitti e carta da parati
energie alternative
falegnameria
ferro lavorazione
fuochi d'artificio
geologia
gioiellerie
illuminazione
impermeabilizzazioni ed isolamenti
impianti di climatizzazione
impianti di riscaldamento
impianti elettrici
impianti idraulici
impianti termoacustici
imprese di costruzione
imprese di pulizia
internet service provider
irrigazione
istituti di bellezza
leasing
legno lavorazione
materiali edili
materiali elettrici
movimento terra
musica per cerimonie
mutui e finanziamenti
nozze
parquet
partecipazioni
pasticcerie e catering
pavimentazioni esterne ed industriali
pavimenti e rivestimenti
pietre e marmo lavorazione
piscine
porte interne e blindate
reti letti e materassi
ristoranti
scale
serramenti ed infissi
servizi fotografici
servizi per l'edilizia
sistemazione a verde
smaltimento amianto
smaltimento rifiuti
spurgo pozzi
strade e pavimentazioni stradali
tappeti pulizia
tappezzerie
tendaggi esterni
tendaggi interni
tinteggiature e prodotti per la casa
traslochi trasporti facchinaggio
vetri e vetrate
viaggi di nozze
IL MOBILE
esperti del settore: | per edil spa tr| falegnameria la torre snc pg| | | arredamenti tanaceto di tanaceto rosella pg|

I primi esemplari di mobili (se escludiamo gli elementi fondamentali) furono elaborati solo tra il 1200 ed il 1460. Costruiti con legno duro, come quercia e rovere, venivano assemblati tramite incastri a scomparsa e grossi chiodi. Inizialmente non venivano utilizzate le viti, che compaiono solo dal 1675 circa.

Purtroppo oggi non ci sono rimasti che rari esemplari di questi mobili, i quali erano spesso anche decorati.

Da questo primo stile, chiamato gotico, ad oggi, si sono succeduti diversi modi di concepire il mobile.

Il Rinascimento rappresentò un periodo di ampio sviluppo, in quanto iniziarono ad essere progettati palazzi in cui le stanze avevano una funzione specifica, richiedendo quindi un arredamento funzionale all’ambiente.

Il legno preferito era quello di noce, ma non si disdegnavano anche abete e castagno, preferibilmente per i punti meno esposti allo sguardo. Assemblati per mezzo di incastri a coda di rondine e chiodi, erano largamente intagliati, con diversi tipi di soggetti: stemmi, simboli sacri, figure singole …

Il settecento fu il secolo della sofisticatezza, manifestata nella cura dei decori, degli intarsi (realizzati con il "bois de rose", il palissandro), degli incastri. Si diffonde anche l’uso della gommalacca per lucidare.

Tra gli stili più importanti:

  • Luigi XIV (1643-1715) Periodo di estrema ricchezza decorativa, con il trionfo dei Gobelins, dei marmi, delle applique, delle console, dei baldacchini sui letti.

  • Luigi XV (1723-1774) E’ quello che, in Italia, si traduce in Rococò. Fu uno degli stili più originali caratterizzato dalla asimmetria, dall’abbandono delle superfici piane, dal trionfo degli arabeschi e delle curve. Il suo modello fu il Barocco italiano, portato alle conseguenze più estreme.

  • Luigi XVI (1774- 1793) Rappresenta il ritorno del gusto classicheggiante, avvalendosi di una linearità studiata, e determinando una reazione al barocco che stava ormai tramontando.

  • Reggenza Durante il periodo di reggenza di Filippo d’Orléans. Non va confuso col Regency, inglese. È uno stile collocabile tra il Luigi XIV e il Luigi XV, molto elegante, caratterizzato da curve aggraziate. Impose inoltre l’uso delle specchiere sui camini, del legno sulle pareti a creare boiserie, delle cineserie. Più che di un vero e proprio stile si può parlare di un periodo tipico fra due stili ben più caratterizzati e riconoscibili.

  • Direttorio (1795-1799) In questa tendenza prevalgono i temi mitologici e classici, del bassorilievo romano e greco, che si impadroniscono della pittura, degli arazzi e dei tappeti. Figure danzanti e palmette sono riportate sulle ante degli armadi, nei traversi dei letti, nelle decorazioni dei tavoli. Si tratta di uno stile neoclassico, di transizione, ma molto piacevole e di notevole ricchezza.

Anche l’ottocento ci regala un’ampia varietà di stili, tra cui:

  • Impero (prima metà ottocento) Porto' con se qualcosa di innovativo e di rivoluzionario che salda due epoche, anzi due momenti storici molto diversi: nato con la rivoluzione si consolida e prospera sotto la restaurazione. Uno stile che copre un arco di circa cinquant'anni: sobrio, lineare, essenziale, ma si esprime anche a livelli di complessità e ricchezza assolutamente straordinari. Uno stile di rottura che marcò decisamente il passaggio di secolo, ben lontano perciò dalle sottili sfumature che sottolineano il cambiamento del gusto Luigi XV al Luigi XVI.

  • Restaurazione (1820-1830) Durante il regno di Carlo X. Fu una sorta di revival del barocco e del gotico, caratterizzato dall’uso di legni come noce, acero, pero, faggio. Nacquero inoltre i primi mobili di legno e di radica chiari, bordati e decorati di amaranto.

  • Dell’Austria citiamo lo stile Biedermeier, sviluppatosi tra il 1815 e il 1848, in particolare nella capitale. Caratteristici sono i mobili in faggio e frassino del mobilificio Danhauser. I mobili originali, realizzati in questo stile, nati come reazione allo stile Impero, sono oggi particolarmente ricercati sul mercato antiquario e, di conseguenza, abbastanza costosi.

  • Alla fine dell’ottocento si ha una svolta, che porta verso il rifiuto di quanto era stato fatto sino a quel momento. Nell’arredamento, ciò si concreta con l’abbandono dei moduli tradizionali, e la nascita di uno stile nuovo, che prende il nome a seconda del paese in cui si afferma:

  • Liberty in Inghilterra (chiamato con riferimento ad un inglese, Thomas Liberty, che nel 1875 aprì a Londra un negozio per vendere tessuti, gioielli e piccoli mobili), Art Nouveau in Francia, Jugendstil in Germania.

La caratteristica principale di questo nuovo stile nell’arredamento è la morbidezza delle linee e gli intarsi, che rappresentano motivi floreali e animali. Tra le figure umane la preferita era una ragazza dal viso dolce ed accattivante, dal corpo affusolato, i capelli lunghi e fluenti, come mossi dal vento simili a foglie e rami di una pianta fantastica.

Nel campo animale i preferiti erano a colori vivaci rielaborabili senza limiti come pappagalli, pavoni, libellule e farfalle. Nel campo vegetale gli spunti erano moltissimi anche se le forme preferite erano rampicanti, tralci della vite, iris, alchechengi. Vi sono spesso figure ripetitive, nelle quali la linea curva la fa da padrona; di rado si incontrano angoli retti e in quei rari casi sono smussati e ingentiliti.

Quando possibile la linea non è semplice ma una foglia d'alga od un nastro che mostra a volte la parte più sottile, a volte la più spessa, con passaggi morbidi. Nella complicazione rimane però sempre presente un ordine rigoroso, ad esempio in un mazzo di fiori nell'apparente confusione è possibile seguire ogni stelo o ramo.

Questo è l’ultimo capitolo pre-bellico della storia del mobile, che riprende nel dopoguerra, con lo stile più razionale dell’ Art Déco.

  • L’Art Déco si definisce anche Stile 1925, perchè strettamente legato alla grande manifestazione tenutasi a Parigi in quello stesso anno. L'origine prima dell'art déco va ricercata nel secondo lustro del secolo, quando la vicenda del liberty si stava avviando alla decadenza. Si tratta dell'ultimo stile "opulento", e forse della più vistosa accezione dell'esaltazione del bello a scapito del funzionale.

Lo stile si delinea nell'arco di tempo che va dalla fine della prima guerra mondiale sino al 1930 circa. È anche una reazione all’eccesso decorativo del liberty che determina l'orientamento stilistico dell'art déco; si sente infatti il bisogno di un linguaggio diverso, meno involuto e più puro.

Ma si vedrà che in definitiva la riforma cadrà negli stessi errori da cui aveva voluto emendarsi, e negli stessi abusi.

Lo "stile" dei mobili si ispira sovente ad un neoclassico di lezione inglese, ma non mancano i richiami al Luigi XVI; l'interpretazione è sempre un po' libera. Uno stile "ricco" e che ama la decorazione: la si ritrova dappertutto, mescolata con eclettismo: vetri e cristalli incisi inserzioni di avorio, di ebano, di placchette metalliche stampate.

I mobili sono sempre impiallacciati, ma presentano sempre aggiunte ornamentali, come intagli in legno dorato, e piedi. Le maniglie sono in ferro, ottone, bronzo, metallo cromato, talora con inserzioni in avorio o tartaruga (o loro imitazioni). I tessuti sono i velluti operati, le sete tessute o stampate, i rasi di cotone a fantasie di ispirazione cubista o futurista.

I PEZZI FORTI

Dopo esserci orientati nella storia dei mobili in via generale, diamo ora un’occhiata ai pezzi che mai potrebbero mancare nell’arredamento di qualunque casa, e vediamo come questi abbiamo modificato il loro essere nel corso del tempo.

IL LETTO

Il termine letto deriva dal sostantivo latino "LECTUS", a sua volta derivato dalle voci greche "LÈCHOS", ossia letto, e "LÈKTRON", giaciglio. Il letto è un mobile antichissimo: le prime testimonianze risalgono all'antico Egitto. Il letto egiziano era rettangolare, con piedi raffiguranti teste di animali; spesso prendeva esso stesso la forma di un animale, come il toro, lo sciacallo e la sfinge. Essendo abbastanza alto, per salirvi ci si serviva di uno sgabello.

In età micenea, Omero descrisse un letto di legno, intarsiato d'oro, argento e avorio, con cinghie di cuoio rosso per sostenere il materasso. Nella Grecia classica si diffuse il "letto tricliniare", utilizzato anche per banchettare ed esporre i defunti.

Questo letto era realizzato in legno e arricchito da ornamenti bronzei. Il " letto tricliniare " fu ripreso sia in Etruria che a Roma, dove assunse il nome di "fulcrum ". L’unica differenza che intercorreva tra i due era che il fulcrum era leggermente più basso e allungato. Nel Medioevo il letto era semplice, raramente decorato con intagli.

Come il modello, egiziano era piuttosto alto, e per questo era sempre accompagnato da uno sgabello simile ad un gradino per favorire la salita e la discesa. Nel Quattrocento la forma del letto si stabilizzò e divenne quella che è arrivata fino a noi; ma all’epoca fungeva anche da contenitore per la biancheria e per questo era unito, su tre lati, a cassoni o cassapanche.

La sua struttura prevedeva due spalliere, una da piedi ed una da capo, più alta e decorata. Nacquero in questo secolo anche dei letti più piccoli detti "lettucci ", che venivano spostati su rulli ed utilizzati come divani durante il giorno.

Il Cinquecento fu il secolo del trionfo: monumentale sia nelle dimensioni che nelle decorazioni, il letto rinascimentale perse le cassapanche, e le spalliere divennero quattro colonne intagliate che talvolta sorreggevano un baldacchino.

Nel Seicento il letto iniziò ad essere coordinato allo stile dell’ambiente nel quale doveva essere collocato: il baldacchino rimase solo a scopi ornamentali. I letti barocchi tendevano al gigantismo, ed erano decorati con massicce dorature ed intagli; tipico del periodo il letto "à la duchesse ".

Nel Settecento rococò, il letto divenne più piccolo e lezioso nelle decorazioni. Il baldacchino, ridotto nelle dimensioni, aveva spesso forma a cupola come nel diffuso "lit d'ange ". Alla fine del Settecento, con l'avvento del Neoclassicismo, il letto divenne austero, realizzato in legno scuro e decorato con dorature o applicazioni in ottone; tra le diverse tipologie di letto neoclassico le più diffuse furono "en bateau", "à l'impériale", "à l'antique", "à la turque", "à la méridienne ".

Nel corso dell'Ottocento, videro la luce i primi letti in ferro mentre l'Art Nouveau segnò l'inizio dei mobili combinati.

LA POLTRONA

Deriva dal sostantivo "PÒLTRO", che veniva usato per indicare il letto o il cuscino. La poltrona si sviluppa all'interno della storia della sedia: potrebbero, infatti, essere definite poltrone già alcune grandi e ricche sedie del mondo antico, ma è tuttavia nel Medioevo che si ritrovano i veri antenati della poltrona moderna.

In età medievale nacquero le "scranne ", ossia grandi sedie di legno con forme squadrate, spesso decorate da intagli e da rivestimenti in cuoio o in stoffa.

Nel successivo Rinascimento le scranne presero il nome di seggioloni, mantenendo la loro struttura ma arricchendosi di intagli e di decorazioni. Il Seicento Barocco segnò il trionfo del seggiolone: i grandi sedili si presentavano fastosi con decorazioni, dorature e intagli che li facevano apparire simili a sculture.

Nel corso del secolo iniziò anche la consuetudine di imbottire i seggioloni negli schienali e nelle sedute. Nel Settecento il seggiolone si trasformò definitivamente in poltrona: lo schienale divenne alto, le forme arrotondate ed i braccioli imbottiti tipiche del periodo le "bergère" francesi di stile Reggenza ma anche le piccole "cabinet ".

Tra la fine del Settecento e i primi anni dell'Ottocento, la poltrona subì la grande influenza del gusto neoclassico, assumendo forme più rigide e colorazioni scure ravvivate solo da applicazioni in bronzo dorato. Il ritorno all'antico coincise quindi con il recupero della gamba dritta e con decorazioni sobrie ispirate a motivi classici o celebrativi della Rivoluzione e dell'Impero.

Dalla metà dell'Ottocento iniziarono lentamente a ricomparire le linee curve e i colori chiari, ma l'avvento dell'Eclettismo e della libertà creativa portò ad una grande confusione negli stili.

Con la fine dell'Ottocento e l'affermazione dell'Art Nouveau, le poltrone assunsero linee sottili e minute, coordinate all’ambiente che le ospitavano.

IL TAVOLO

Il termine tavola deriva dal latino "TÀBULA" composto dalla radice "TA", ossia stendere, e il suffisso "BULA"; per altri la voce deriva dal sostantivo latino "STABILEM", stabile. Ci troviamo di fronte ad un altro pezzo molto antico.

Le prime testimonianze della sua esistenza risalgono all’Antica Grecia. Qui, la forma usuale era quella rettangolare, sorretta da tre piedi. In Egitto, al contrario, erano solitamente usate tavole rotonde, munite di un solo sostegno. Ma ve ne erano anche di rettangolari con quattro gambe dritte o incrociate.

Nell'antica Roma le tipologie si differenziano a seconda degli usi cui erano adibiti: le tavole "cultuali" venivano usate per le offerte alle divinità che non si bruciavano sull'ara; la "mensa ponderaria " era una grande tavola collocata in un luogo pubblico della città. Non mancavano inoltre tavoli destinati alle case private: i tavoli domestici erano anzi presenti fin dall'età omerica.

Per il pasto i romani si servivano di tavolinetti di dimensioni ridotte, uno per commensale, che venivano rimossi dopo aver mangiato; inizialmente molto semplici, questi tavoli si arricchirono con l'evolversi della civiltà. Nelle case si poteva trovare l'"abaco", piccolo e destinato a sorreggere vasi e oggetti artistici. Sempre a Roma, ma di origine greca, la "mensa delphica ", era una tavola con un'unica gamba centrale, la cui estremità inferiore si divideva in tre piedi.

Questi tavoli erano molto ricchi di decorazioni, realizzati con legno, marmo o bronzo e scolpiti a figure umane o animali. Altri tavoli abbondantemente decorati avevano forma rettangolare, con quattro gambe incrociate o riunite a due a due, e cambiavano nome a seconda del materiale con il quale venivano realizzate, che di solito era legno o marmo.

Esemplari bellissimi erano ricavati dal legno di cedro e venivano chiamate "mensae citreae ". Le loro decorazioni erano in avorio, oro, argento, rame, pietre preziose. Dopo lo splendore della civiltà romana, la tradizione del tavolo decorato scompare quasi completamente: per tutto il Medioevo e l'Alta Epoca, il tavolo da pranzo era solo un'asse posata su cavalletti e veniva smontata dopo il pasto.

Solo nel corso del Cinquecento, il tavolo cominciò ad affermarsi per come lo conosciamo noi oggi: il tavolo cinquecentesco si presentava molto grande, rettangolare, con gambe maestose più o meno lavorate. Gli esemplari più belli del Rinascimento non furono però realizzati per la mensa ma solo a scopo ornamentale. Nel Seicento al tavolo rettangolare si affiancò la variante ottagonale con una grande base ad anfora.

Ma, a causa della loro imponenza, questi tavoli risultavano scomodi. Nacquero così i tavolinetti del tipo "fratino", originari delle Marche, che avevano generalmente gambe a lira, ed il "tavolo piemontese ", paradossalmente, di origine inglese, che aveva una parte centrale fissa e due parti laterali abbassabili.

Nel Settecento il tavolo perse la sua importanza; i grandi tavoli erano rari e l'imponenza del Seicento lontana. Se ne affermarono però, altre tipologie , oltre a quello da pranzo: nacquero i tavolini da tè, i tavoli toilette, le table-cabaret, le liseuse, le coiffeuse, le table de chévet ed i tavoli da gioco .

Questi ultimi si svilupparono soprattutto in Francia ed in Inghilterra, diventando un arredo indispensabile delle case signorili. Nell'Ottocento Neoclassico tornò la moda dei grandi tavoli rotondi: in particolare si diffuse il tavolo "a braciere ", ispirato al tripode romano; nel periodo Impero questi tavoli si presentavano estremamente austeri, realizzati in legno scuro e con gambe o basi intagliate a forma di sfingi, cigni e schiavi.

Sempre durante l'Impero vennero recuperati i tavolini circolari del tipo "guéridon ", nati alla corte del Re Sole e destinati a sorreggere lampade o oggetti artistici. In Inghilterra, nella prima metà dell'Ottocento, nacquero i "nest of tables", una serie di tavolini “a scalini ”, ossia digradanti, usati nei salotti e nelle biblioteche.

Tra la metà dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, l'Art Nouveau introdusse una nuova concezione dei mobili, che non dovevano più essere pensati come elementi isolati ma come parti di uno specifico arredamento. I tavoli Nouveau venivano realizzati in ferro o in legno e si presentavano estremamente sottili, con lunghe gambe e una linea fluente.

Nella prima metà del Novecento, l'avvento dell'Art Déco segnò il trionfo delle linee e dei motivi geometrici e delle decorazioni semplici ma molto curate.

 

LA SEDIA

Il termine sedia deriva dal verbo latino "SEDÉRE", adottato poi dalla lingua italiana. Le prime testimonianze della sua esistenza risalgono all'Egitto dei faraoni. Le sedie egizie si dividevano in semplici sgabelli e in sedili con braccioli e spalliera, ricchi di decorazioni.

Questi ultimi erano costruiti in diverse misure per ospitare una o due persone. I faraoni usavano fastosi troni che tuttavia rappresentavano più un simbolo di distacco e di potere, che veri e propri sedili. Nella Grecia classica venivano usati vari tipi di sedie: le più tipiche erano le "klismos ", con gambe a sciabola e schienale ricurvo all'indietro.

Tuttavia non mancavano sgabelli semplici, con gambe dritte o incrociate ed anche sedie molto ricche di decorazioni, con braccioli e spalliera, adibite alla funzione di trono.

Gli Etruschi ricavavano i sedili da blocchi di marmo o di pietra: queste sedie di forma cilindrica avevano un corpo unico, senza le gambe, con una base unita al sostegno e alla spalliera.

I romani dettero vita a molti tipi di sedie: la "sella castrensis", pieghevole con gambe dritte, ad uso esclusivo dell'imperatore o del comandante in capo negli accampamenti; la "sella aurea", riccamente dorata, destinata all'imperatore; la "sella balnearis" , usata per il bagno; la "sella tonsoria" per il barbiere; la "sella portoria", portatile; il "bisellium ", un grande sedile a due posti.

Nel Medioevo si diffuse il "faldistorium", ossia un sedile a forma di X senza schienale, realizzato generalmente in metallo. Il "faldistorium" aveva la funzione di sedile regale nelle corti ma era molto usato anche nelle chiese degli alti prelati; le altre persone generalmente sedevano su semplici sgabelli a tre o quattro gambe di forma geometrica, solitamente rettangolare ma anche quadrata, circolare e triangolare.

Nel Quattrocento gli sgabelli si arricchirono di una spalliera di legno e nacque il tipico "sedile strozzi". Verso la fine del secolo si diffusero anche le sedie semicircolari "a pozzetto" e le "savonarola " pieghevoli. Nel Cinquecento, pur proseguendo la moda di "sgabelli" e "savonarole", vennero realizzati i primi esemplari di "seggiolone ", l'antenato della poltrona; dalla metà dello stesso secolo iniziò la consuetudine di imbottire e foderare il piano e lo schienale delle sedie.

Nel Seicento anche lo sgabello divenne imbottito, acquistando definitivamente la classica forma ovale o circolare; i seggioloni si presentavano ricchissimi di decorazioni, intagli e dorature. Nel Settecento, con la nascita della vita di società, il seggiolone si trasformò definitivamente in poltrona e comparvero i primi divani.

Le sedie, fastose nelle decorazioni, si differenziarono in una grandissima varietà di tipi, secondo l'uso cui erano adibite, e acquistarono le "cabriole legs ", gambe a capriolo, per la loro forma incurvata. Dalla fine del Settecento, con l'avvento del Neoclassicismo, le sedie tornarono ad essere austere, con poche decorazioni e gambe dritte, solitamente realizzate con legni scuri e arricchite da dorature o inserti in ottone: tipiche del periodo le sedie "en gondole" e le "klismos ", direttamente ispirate al modello greco.

Dagli ultimi anni dell'Ottocento, l'Art Nouveau introdusse la moda per i mobili combinati, di forma fluente e unificante. Le sedie si presentavano particolarmente minute, con esili gambe e decorazioni minuziose. Nei primi anni del Novecento, con l'Arts Déco, comparvero le sedie "a cubo" e i sedili di vimini .

IL DIVANO

Il termine divano deriva dalla voce persiana "DÎWAN", che propriamente significa "registro" e poi per estensione, "ufficio", "sala di udienza", "luogo dove si siede in consiglio", e infine "sedile". Anche questo è mobile molto antico, le cui origini si confondono con quelle della sedia e del letto.

Dovevano, infatti, apparire simili al divano moderno, i sedili a due posti usati nell'antico Egitto e poi, con forma diversa, nell'antica Roma, dove presero il nome di "bisellium".

Anche il letto tricliniare greco ed il "fulcrum " romano, usati per dormire e per banchettare, si presentavano affini al divano per molti aspetti. Più tardi, nel Quattrocento, nacquero piccoli letti, detti "lettucci ", che venivano spostati su rulli ed usati come divani durante il giorno.

Fu tuttavia nel Seicento che comparvero i primi divani con forma moderna: inizialmente si presentavano simili a poltrone ingrandite ed erano presenti solo nelle case signorili.

Nel Settecento il divano si diffuse in tutte le abitazioni, differenziandosi definitivamente dalla poltrona, e acquisendo forme morbide e linee curve e avvolgenti: tipici del periodo i divani "Duchesse", "Duchesse brisée", "a pozzetto", "a ventaglio", "Corbeille", "a medaglione ".

Nella prima metà dell'Ottocento il divano seguì i più classici stili del periodo, primi fra tutti il grandioso Impero in Italia ed in Francia ed il Regency in Inghilterra. I divani neoclassici erano caratterizzati da linee dritte e colorazioni scure sia del legno sia dei tessuti. Dalla metà dell'Ottocento tornarono lentamente ad essere usate le linee curve, le forme smussate e addolcite e le colorazioni luminose.

Il gusto per l'antico e per i revival rimase fino agli ultimi anni del secolo, ma la libertà d'invenzione portata dall'Eclettismo e dal Vittoriano si tradusse in una grande fantasia e diversità nel disegno dei divani.

Tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, l'Art Nouveau introdusse la moda degli arredi combinati: i mobili non venivano più creati come elementi isolati ma come parti di uno specifico arredamento.

Generalmente i divani nouveau erano realizzati in legno o in ferro e si presentavano molto sottili, mai di grandi dimensioni, e curati nei minimi particolari.

categorie correlate: arredamento |

 

per saperne di più

Info dal settore:
Tipologie di recinzione per giardino
leggi...

Info dal settore:
Le porte esterne
leggi...

Info dal settore: il parquet
Tipologie, formati e dimensioni
leggi...

Pavimentazioni industriali: cemento o resina?
I criteri per scegliere…
leggi...

Piscina: quale scegliere?
Un sogno che si può realizzare…
leggi...

Info dal settore: l'abito dello sposo
Il completo a tre pezzi
leggi...

Info dal settore: le tende
Strutture e tessuti
leggi...

La lucidatura dei pavimenti
Le varie fasi
leggi...

Info dal settore: le scale interne
Meglio a rampa o a chiocciola?
leggi...

La passione per il bagno pulito
Alcuni consigli per effettuare la pulizia del bagno
leggi...

I materiali per la bio-edilizia
Alcune linee guida
leggi...

La progettazione di un impianto
Le regole per una corretta progettazione dell'impianto elettrico
leggi...

Info dal settore - i materiali l'impianto
I materiali per un impianto idraulico
leggi...

L'attuazione del piano casa in Umbria
Le procedure in atto per usufruirne
leggi...

Manuale del perfetto cacciatore di case
Le regole da seguire per la ricerca
leggi...

Movimento terra
La fase iniziale di un cantiere..
leggi...

Piano casa e normativa antisismica
I contenuti del cosiddetto “Piano Casa”…
leggi...

L'impianto elettrico
Norme sulla sicurezza degli impianti
leggi...

Tecnica e creatività
I segreti del ferro battuto
leggi...

Secchio e tintura?
Non solo….
leggi...

La soluzione a buffet
Per un grande spazio a disposizione…
leggi...

Tutti a tavola, ma come?
Le soluzioni possibili…
leggi...

Camera, cucina e bagno…
….Ed è già CASA!
leggi...

"Tappezzati" di macchie?
Consigli per operare con successo…
leggi...

Il legno…
…prima di diventare un mobile…
leggi...

I tipi di letti
Il migliore dei letti possibili…
leggi...

Auto a noleggio?
Si, ma con stile…
leggi...

Info dal settore: foto e video di nozze
Il ricordo più indelebile…
leggi...

La rivincita della bomboniera
Dal francese “bonbon”…
leggi...

Info dal settore: gli spurghi civili
Pulizia di fosse biologiche e non solo…
leggi...

Info dal settore
Chi.Fa Arredamenti
leggi...

Info dal settore: la manutenzione
Manutenzione e restauro degli infissi
leggi...

Info dal settore: porte blindate
I criteri per la scelta di una porta blindata
leggi...

Progettare una pavimentazione industriale
La "base" di una futura attività…
leggi...

Info dal settore: prima della posa…
I consigli per la posa
leggi...

In casa, a piedi nudi…
Il riscaldamento a pavimento
leggi...

Umidità in casa
Origine e rimedi
leggi...

Canali di gronda e cannne fumarie
Nozioni base
leggi...

Canali di gronda: le misure giuste
Le regole per un buon funzionamento
leggi...

Il Marmo
Più di un materiale da costruzione…
leggi...

Gli Inerti
I materiali minerali usati nelle costruzioni
leggi...

Le Rocce
Qualcosa di solido per l'edilizia…
leggi...

Il bricolage
Nel tempo libero…
leggi...

L'Evoluzione della stanza da bagno
La trasformazione nel corso del tempo…
leggi...

Proteggere le piante dal freddo
Semplici tecniche per riparare dal freddo le piante
leggi...

L'andamento del mercato immobiliare
Il trend negativo del mercato immobiliare
leggi...

Le Agenzie immobiliari
Le regole della mediazione
leggi...

Scegliere l'arredamento
Consigli per iniziare…
leggi...

L'arredamento
Gli stili
leggi...

La camera da letto
Quando è piccola..
leggi...

I mobili impagliati
Un classico dell’arredamento..
leggi...

Tutti i modi di fare la doccia
Le diverse tipologie
leggi...

Il bello dell'idromassaggio
Per il total relax..
leggi...

La rubinetteria
Consigli per la scelta
leggi...

Il bagno sospeso
i sanitari: coloro che sono sospesi…
leggi...

La ferramenta
Il necessaire per il fai da te
leggi...

Bagno: arredare romantico
Per un bagno dal gusto classico
leggi...

La cucina ergonomica
Il giusto rapporto spaziale tra i vari elementi
leggi...

L'Ascensore condominiale
Regole e manutenzione
leggi...

Gli ascensori
Un record tutto italiano…
leggi...

La Cucina
Consigli per la scelta
leggi...

Arredare il giardino in primavera
Idee e spunti per godersi il giardino…
leggi...

Il Divano
Per il relax e non solo…
leggi...

I colori per le imbiancature interne
Come sciegliere le tinte giuste
leggi...

Addio al celibato
La tradizione vuole che…
leggi...

Il Leasing
Un leasing per….
leggi...

Il Mutuo
Alcuni dei quesiti più ricorrenti
leggi...

Gli abbinamenti del vino
Un "vademecum" degli abbinamenti più armoniosi
leggi...

Agenzie immobiliari
I canali dell'intermediazione immobiliare
leggi...

I Combustibili
I combustibili più utilizzati per il riscaldamento
leggi...

Parliamo di climatizzazione
I fattori che determinano il microclima…
leggi...

Il Galateo della lista di nozze
Un aiuto per capire il necessario e il superfluo
leggi...

Le energie rinnovabili
tutti i vantaggi ecologici ed economici.
leggi...

Info dal settore - Autorità Energia Elettrica e Gas
L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas ha approvato la delibera prevista dal decreto del 19 febbraio 2007 che consente l'invio delle domande per le tariffe incentivanti l’installazione degli impianti fotovoltaici.
leggi...

La cassetta degli attrezzi
Il vademecum del bricolage..
leggi...

PuntOCasa Italia - Agenzia 37
Servizi Immobiliari
leggi...

Che cosa succede nel mercato immobiliare?
Durante il primo semestre del 2007, ill settore residenziale ha registrato….
leggi...

Acconciature a prova di ...cerimonia
L'acconciatura dei capelli della sposa varia molto a seconda i gusti e della moda del momento…
leggi...

Info dal settore - Il "taglio" giusto per l'abito da sposa
I modelli più diffusi di abiti da sposa
leggi...

Proprio il mobile che volevo…
Ecco alcuni piccoli ma importanti consigli da seguire prima di procedere all’ordine vero e proprio di una cucina su misura….
leggi...

Quanto costa traslocare?
I due fattori che incidono di più sul costo sono….
leggi...

La torta Nuziale
La scelta della torta nuziale non ha regole particolari….
leggi...

C’era una volta (solo) il radiatore…
Le alternative per il clima giusto
leggi...

Gran relais Laurenti
L'antico volto dell'ospitalità
leggi...

Info dal settore - Attenzione alle regole di sicurezza!
Tutti i prodotti pirotecnici autorizzati devono avere sulla confezione un'etichetta completa…
leggi...

Info dal settore - La soluzione buffet
La soluzione ideale per grandi spazi all'aperto…
leggi...

Mangiare e bere di nozze
Consigli per la scelta del menù e dei vini
leggi...

Info dal settore - Quale album fotografico scegliere?
Gli elementi da considerare nella scelta
leggi...

Ad ogni sposa il suo bouquet…
I fiori parlano della sposa, dei suoi gusti e delle sue emozioni…
leggi...

Info dal settore - La scelta dell'abito dello sposo
Tradizione vuole che, per una cerimonia nuziale da tenersi in chiesa, lo sposo adotti uno dei due abiti
leggi...

Info dal settore - Matrimonio, 365 giorni all'alba…
Alcuni consigli per programmare un matrimonio di successo appassionato di biliardo, regalategli un tavolo per giocare in casa …
leggi...

Info dal settore - Non solo davanti alle finestre…
Soprattutto nelle versioni e nelle rivisitazioni contemporanee, dove anche la plastica….
leggi...

Info dal settore - Gli scenari per il mercato del mobile in Italia
Per il 2008 la propensione al consumo di mobili è prevista salire lievemente….
leggi...

Il Materasso, il massimo che c'è….
L’acquisto di un materasso va oltre le valutazioni estetiche e di budget, perché si tratta sicuramente di una scelta che ha davvero a che fare con la qualità della vita…
leggi...

Intramontabile: il tavolo in ferro battuto
tavoli in ferro battuto possono rivelarsi soluzioni d’arredo ideali sia per l’interno che per l’esterno….
leggi...

Quando la sedia zoppica…
Tra gli inconvenienti più comuni, e anche più facili da riparare, che possono capitare a una sedia…
leggi...

Info dal settore - Il successo dello stile etnico
I segreti di luoghi lontani….
leggi...

Luce in giardino, anche di notte,,,,
Nella progettazione dei giardini, oltre alla disposizione e scelta delle piante….
leggi...

Info dal settore - Piscine a norma di legge
le regole più importanti da seguire per la realizzazione
leggi...

Dopo lo spurgo…
Le regole per il trasporto dei liquami
leggi...

Delicato come ... la pietra
Pulitura, lucidatura e restauro del marmo
leggi...

Info dal settore - Costruire una parete in cartongesso
Una delle esigenze che si presenta più spesso in casa è quella di dividere un locale grande
leggi...

Serramenti ma anche "aprimenti"…
Il termine “serramenti” raggruppa porte, finestre, persiane, tapparelle e, in genere…
leggi...

Per un bagno a “lunga conservazione”
Mantenere intatta nel tempo la bellezza del vostro bagno dipende innanzitutto dalla qualità dei prodotti…
leggi...

Info dal settore - Arredare il sottoscala
In moltissime abitazioni e persino nei condomini è presente un sottoscala
leggi...

Info dal settore - Ascensore in condominio
L'installazione in un edificio in condominio (o in una parte di esso) di un ascensore di cui prima esso era sprovvisto
leggi...

Info dal settore - Le scale interne
A differenza dalle scale di collegamento comuni di un edificio, che devono essere progettate seguendo norme specifiche in funzione della destinazione d’uso dell’edificio
leggi...

Info dal settore - Quanto costa un bagno?
Certo, non è facila da stabilire a priori…
leggi...

Gli impianti a pannelli solari
Gli impianti a pannelli solari, chiamati sistemi solari, si differenziano a seconda del loro utilizzo…
leggi...

Come risparmiare energia
Ecco alcuni consigli utili per “sgonfiare” i costi dell’energia in casa.
leggi...

Info dal settore - Il materiale elettrico
Con la terminologia “materiale elettrico” si fa riferimento a una gamma decisamente vasta di tipologie
leggi...

Info dal settore - Regole per lo scarico delle acque
Lo scarico delle acque deve avvenire in base ai regolamenti del servizio di fognatura
leggi...

La Bioarchitettura
Sentiamo parlare sempre più spesso di bioarchitettura…
leggi...

Connessione wireless
Quali sono i vantaggi offerti da una connessione Wi-Fi ?
leggi...

Il fascino di un bagno piccolo piccolo
Se avete a disposizione solo pochi metri quadrati per la stanza da bagno, agite d'astuzia.
leggi...

Porte blindate
La porta di casa è il primo obiettivo preso d'assalto dai ladri
leggi...

Bomboniere e confetti
Piccoli oggetti di grande valore affettivo sono un dono di ringraziamento da parte degli sposi a chi ha partecipato alla festa di nozze
leggi...

Il caminetto
Quando decidiamo di acquistare un caminetto per riscaldare casa nostra, occorre per prima cosa accertarsi dove siano posizionati la canna fumaria ed il comignolo
leggi...

Meglio il caffè Espresso o quello con la Moka?
Per i napoletani tradizionalisti non c’è dubbio
leggi...

Impermeabilizzazione
La causa principale del degrado strutturale dei locali sotterranei o parzialmente interrati è l'acqua
leggi...

Le fedi nuziali
La fede è il simbolo dell’amore eterno e duraturo, delle promesse che marito e moglie si scambiano quando si sposano.
leggi...

Bartoccini Diamond Center
La storia di questa giovane e dinamica azienda inizia nel 1964
leggi...

La Mantignanese
impresa multiservice
leggi...

DIS.M.E.P.
distribuzione materiale elettrico
leggi...

Il Settore edile
Il nuovo contratto nazionale
leggi...

Pietre d'Arredo
pietre e mattoni naturalmente ricostruiti
leggi...

Officina Mario Galletti
carpenteria metallica
leggi...

GE.AR. Cinquant’anni di esperienza per indagare e consolidare…
…le strutture del tuo passato e del tuo futuro…
leggi...

C.S.C.srl
Calcestruzzi e Inerti Sabatini & Crisanti
leggi...

La pietra
Le pietre o rocce sono date da un aggregato di minerali di natura diversa.
leggi...

Il mobile
I primi esemplari di mobili furono elaborati solo tra il 1200 ed il 1460
leggi...

Pergolati e Gazebo
Per la realizzazione della struttura di questi importanti elementi di arredo esterno il materiale più usato è di gran lunga il legno di pino nordico
leggi...

Le piante da giardino
Sicuramente un giardino in ordine richiede manutenzione ma allo stesso tempo vi darà molte soddisfazioni
leggi...

La sicurezza nei cantieri
La sicurezza del lavoratore nei cantieri edili rappresenta da sempre un argomento particolarmente scottante e dibattuto
leggi...

I vantaggi di arredare su misura
Scegliere soluzioni su misura per l’arredo della propria casa solo in qualche caso presenta lo svantaggio di un costo finale più alto rispetto alle soluzioni “industriali”
leggi...

Carta da parati
Il termine parati spesso è usato non solo per indicare tutte le tappezzerie incollate su carta, ma anche gli ultimi prodotti in commercio composti da materie plastiche e viniliche
leggi...

Il trasloco
Proprio come le pulizie di primavera, il trasloco è un'opportunità per buttare ciò che non serve più
leggi...

Cemento
Da dove nasce il cemento
leggi...

Il Prato - La manutenzione
Attrezzi - Sabbiatura - Rigenerazione - Se si ammalano
leggi...

Recupero materiali tipici
Alla generica denominazione di “clima temperato” corrispondono realtà diverse dal punto di vista della temperatura media stagionale, dell’ escursione termica giornaliera, dell’ intensità e frequenza delle precipitazioni.
leggi...

Biliardo, che passione!
Il tavolo da biliardo è un rettangolo generalmente in proporzione 2x1
leggi...

Gli abiti per gli invitati.
Le donne si devono informare sul vestito delle mamme e sorelle dei futuri sposi perchè sono loro a dettare le regole per le invitate.
leggi...

Da non dimenticare, per una Luna di Miele indimenticabile …
Una lista di cose utili.
leggi...

Canne fumarie
Hanno il compito di condurre i fumi della combustione al di fuori dell'edificio.
leggi...

Fuochi artificiali
Disposizioni in ordine alla sicurezza ed alla tutela dell' incolumità pubblica in occasione dell'accensione di fuochi artificiali.
leggi...

Bagno, istruzioni per l'uso
Un tempo, il bagno era considerato come un ambiente marginale della casa
leggi...

I combustibili
I combustibili più usati per il riscaldamento domestico.
leggi...

Gli elementi che compongono un caminetto
Focolare, rivestimento, cappa, canna fumaria, comignolo, ecc.
leggi...

La lavorazione del marmo
La lavorazione del marmo è un procedimento molto lungo.
leggi...

Una scala fra tradizione e innovazione tecnologica
Sorta negli anni ‘90, Sesia Scale è un'azienda versatile e dinamica
leggi...

Info dal settore - Giogli Costruzioni
L’azienda nasce nel 1993 come Impresa Giogli Geom. Massimo
leggi...

Info dal settore - Costruzioni Edili C.D.S.
E' una società operante nel settore dell’edilizia
leggi...

Il kit del perfetto traslocatore
Le cose da lasciare ... fuori dalle scatole.
leggi...

Info dal settore - I mobili da Giardino
Idee per l'arredo giardino
leggi...

Crescete e moltiplicatevi
Una breve descrizione dell’innesto e delle varie tecniche di esecuzione
leggi...

Non basta tinta e pennello…
Vademecum per tinteggiare a regola d’arte.
leggi...

Non un divano qualsiasi…
Le caratteristiche giuste del “nostro” divano
leggi...

A piedi nudi in soggiorno…
La scelta del parquet, le variabili relative a colore e resistenza
leggi...

Info dal settore: i tipi di ascensore
I vari tipi a confronto.
leggi...

Info dal settore - I filtri
I filtri giusti
leggi...

Info dal settore - Elettricità
Elettricità, inquinamento elettromagnetico e risparmio energetico
leggi...

Ad ognuno il suo calcestruzzo
Le varie tipologie di calcestruzzo “speciale”.
leggi...

Agevolazioni sì, ma solo se…
i requisiti per fruire delle agevolazioni fiscali
leggi...

Agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa
il nuovo regime fiscale agevolato.
leggi...

Ristrutturazioni edilizie agevolate
le novità della legge finanziaria 2007 in tema di agevolazioni IRPEF
leggi...

Logistica del banchetto nuziale
Ecco alcune possibili soluzioni per la disposizione degli invitati.
leggi...

Passo dopo passo, il menu…
quali e quante portate, a seconda della stagione, per il banchetto nuziale.
leggi...

Info dal settore - Auto
Due cuori e... un motore!
leggi...

Info dal settore - Servizio fotografico
La scelta del servizio fotografico
leggi...

Composizioni floreali “su misura”
le linee guida per il “giusto” addobbo in chiesa.
leggi...

Le note giuste
come scegliere la musica per la giornata delle nozze
leggi...

Sei a pranzo con noi Domenica? Sai, ci sposiamo…
Le regole del "rito" delle partecipazioni…
leggi...

Info dal settore - Tight
Il tight è l'abito da cerimonia per eccellenza.
leggi...

Info dal settore - Tendaggi
La manutenzione dei tendaggi
leggi...

Info dal settore - Tende
I sistemi di montaggio delle tende
leggi...

Letti a castello, pupazzi e carillon
la stanza dei bambini, un ambiente che “cresce” insieme ai suoi abitanti
leggi...

Info dal settore - Antica Roma
A tavola nell’Antica Roma
leggi...

Info dal settore - Ferro battuto
Il ferro battuto è un materiale che sfida il tempo
leggi...

Cosa c’è dietro la sedia?
la storia di uno dei più comuni componenti d’arredo.
leggi...

Info dal settore - Lavorazione ferro battuto
Fasi di lavorazione del ferro battuto
leggi...

Info dal settore - Piscina
Progettare e costruire una piscina
leggi...

Operazione sicurezza
per una corretta installazione degli impianti di illuminazione per esterni.
leggi...

I segreti del “pulito”
consigli pratici contro lo “sporco impossibile” in casa.
leggi...

Tutto sul marmo
I segreti di un materiale “nobile”
leggi...

L’arte di dipingere pareti
tecniche di tinteggiatura a confronto.
leggi...

Info dal settore - Ascensori
La normativa vigente in tema di ascensori e montacarichi
leggi...

Info dal settore - Scale
La struttura portante è l'insieme degli elementi che tengono in piedi la scala e può essere in metallo o legno.
leggi...

Info dal settore - Vetro
Il taglio del vetro
leggi...

Finestre da coccolare
alcuni consigli per la manutenzione e la pulizia degli infissi in legno.
leggi...

Vasca o doccia?
alle prese con la scelta più importante in tema di ... bagno.
leggi...

Info dal settore - Energia
Il risparmio energetico in casa
leggi...

Info dal settore - Gronde
Il tradizionale tetto a falde ha la funzione di proteggere le sottostanti strutture
leggi...

Comignoli fumanti
le regole da rispettare per assicurare il giusto tiraggio.
leggi...

Abitare il legno
i pregiudizi che ancora resistono e i vantaggi di una casa in legno.
leggi...

Info dal settore - Cotto
Il cotto: trattamento e manutenzione
leggi...

Info dal settore - Prima casa
Agevolazioni fiscali acquisto prima casa
leggi...

La casa e il fisco
L' acquisto della casa: le imposte dovute dall'acquirente.
leggi...

Ristrutturazioni edilizie agevolate
Le novità della legge finanziaria 2007 in tema di agevolazioni IRPEF.
leggi...

Un amministratore in… condominio
i quando e i perché di una figura sempre più professionalizzata.
leggi...

Info dal settore - Interni
“Come i Greci avevano arredato (cioè ordinato ed abbellito) il cosmo e come i cristiani hanno arredato l’anima, così noi moderni arrediamo la nostra casa”. (Peter Thornton)
leggi...

Un po' di musica ci sta sempre bene…
Eh sì, la musica ha spesso la funzione di sottolineare ed esaltare o semplicemente fungere da colonna sonora per i momenti più significativi della nostra esistenza.
leggi...

Info dal settore - L'automobile da cerimonia
Tradizione vuole che la sposa arrivi davanti al sagrato della chiesa in cui si svolgerà la cerimonia di nozze con qualche minuto di ritardo, accompagnata dal padre e condotta da un’autovettura adeguata all’evento e addobbata con fiori
leggi...

Info dal settore - Abiti da cerimonia
Le donne si devono informare sul vestito delle mamme e sorelle dei futuri sposi, perchè sono loro a dettare le regole per le invitate.
leggi...

Creatività in cucina: i mobili componibili e su misura
La componibilità è alla base di tutta la produzione di mobili per cucina.
leggi...

Info dal settore - Gazebo
Per allargare lo spazio di casa
leggi...

Difendere la casa, ma come?
Da una recente indagine Istat risulta che il reato maggiormente temuto dagli italiani è il furto nella propria abitazione e i dati non possono che dar loro ragione
leggi...

Impianti elettrici e oleodinamici
L'ascensore elettrico moderno è composto principalmente dai seguenti elementi:
leggi...

Info dal settore - Infissi
Per infissi esterni si intendono gli infissi da applicare alle porte e alle finestre di qualsiasi tipo di edificio, onde renderne funzionale e più pratico l'utilizzo (cioè l'apertura e la chiusura) e creare un effetto estetico che si integri con l'esterno di tutto il complesso edilizio.
leggi...

Il parquet: i vantaggi di un pavimento in legno e i sistemi di posa
Il pavimento in legno garantisce:
- un buon isolamento termico;
- un buon isolamento acustico;
- un'ottima resistenza all'usura
leggi...

Consigli per … la doccia: come, dove e perché
Quando è possibile, è meglio posizionare la cabina doccia in un ambiente diverso da quello dove c'è già la vasca da bagno.
leggi...

C'era una volta (solo) il radiatore…
Le alternative per il clima giusto
leggi...

Info dal settore - Canali di gronda
Le regole per un corretto montaggio dei canali di gronda
leggi...

Ma chi l'ha detto che l'asfalto è nero?
Gli asfalti colorati coniugano la funzionalità dei conglomerati bituminosi con una maggiore flessibilità di soluzioni per così dire “stilistiche”.
leggi...

Coibentazione:
Che cos'è, come agisce, con quali materiali?
leggi...

Si fa presto a dire calcestruzzo…
Il calcestruzzo con una buona superficie a vista dovrà essere curato sia come composizione, con la corretta curva granulometrica, che per l’operazione di costipamento con la vibrazione ma con meno acqua possibile, con l'ausilio degli appositi additivi fluidificanti, superfluidificanti e iper-fluidificanti a base di resine acriliche in modo che non ci sia dispersione di boiacca cementizia dalle fessure delle cassaforme.
leggi...

Info dal settore - Centro Credito
La Centro Credito è un’agenzia di intermediazione finanziaria indipendente, a conduzione familiare, creata per soddisfare le esigenze di tutti coloro che necessitano di un finanziamento per realizzare i propri sogni
leggi...

Piano Casa 2010: gli eco-incentivi
I requisiti richiesti e le procedure da da seguire
leggi...

 

PagineSì S.p.A. p.iva 01220990558 - Cookie