cerca con PagineSì:
categorie

abiti da cerimonia
abiti su misura
acconciature
addobbi floreali
agenzie immobiliari
alluminio lavorazione
amministrazione condomini
architettura di interni
arredamento
arredo bagno
arredo giardino
articoli da regalo e liste di nozze
ascensori
autonoleggio
biliardi
bomboniere
bricolage
caffè
calcestruzzi e inerti
caminetti e stufe
canali di gronda
canne fumarie
carburanti e combustibili
carpenteria metallica
controsoffitti e carta da parati
energie alternative
falegnameria
ferro lavorazione
fuochi d'artificio
geologia
gioiellerie
illuminazione
impermeabilizzazioni ed isolamenti
impianti di climatizzazione
impianti di riscaldamento
impianti elettrici
impianti idraulici
impianti termoacustici
imprese di costruzione
imprese di pulizia
internet service provider
irrigazione
istituti di bellezza
leasing
legno lavorazione
materiali edili
materiali elettrici
movimento terra
musica per cerimonie
mutui e finanziamenti
nozze
parquet
partecipazioni
pasticcerie e catering
pavimentazioni esterne ed industriali
pavimenti e rivestimenti
pietre e marmo lavorazione
piscine
porte interne e blindate
reti letti e materassi
ristoranti
scale
serramenti ed infissi
servizi fotografici
servizi per l'edilizia
sistemazione a verde
smaltimento amianto
smaltimento rifiuti
spurgo pozzi
strade e pavimentazioni stradali
tappeti pulizia
tappezzerie
tendaggi esterni
tendaggi interni
tinteggiature e prodotti per la casa
traslochi trasporti facchinaggio
vetri e vetrate
viaggi di nozze
arredamento - articoli selezionati
COSA C’È DIETRO LA SEDIA?
esperti del settore: | falegnameria la torre snc pg| | | arredamenti tanaceto di tanaceto rosella pg|

Il termine sedia deriva dal verbo latino "sedere", poi passato all'italiano. La sedia è uno dei mobili più antichi e le prime testimonianze della sua esistenza risalgono all'Egitto dei faraoni.

Le sedie egizie si dividevano in semplici sgabelli e in sedili con braccioli e spalliera, ricchi di decorazioni. Quest'ultimi erano costruiti in diverse misure per ospitare una o due persone.

I faraoni usavano fastosi troni che tuttavia erano più un simbolo di distacco e di potere che veri e propri sedili. Nella Grecia classica venivano usati vari tipi di sedie: le più tipiche erano le "klismos", con gambe a sciabola e schienale ricurvo all'indietro, ma non mancavano sgabelli semplici, con gambe dritte o incrociate e anche sedie molto ricche di decorazioni, con braccioli e spalliera, adibite alla funzione di trono.

Gli Etruschi ricavavano i sedili da blocchi di marmo o di pietra: queste sedie di forma cilindrica avevano un corpo unico, senza le gambe, con una base unita al sostegno e alla spalliera.

 I Romani avevano ideato molti tipi di sedie: la "sella castrensis", pieghevole con gambe dritte, era adibita all'uso dell'imperatore o del comandante in capo negli accampamenti; la "sella aurea", riccamente dorata, era destinata all'imperatore; la "sella balnearis" veniva usata per il bagno; la "sella tonsoria" per il barbiere; la "sella portoria" era una sedia portatile; il "bisellium" un grande sedile a due posti.

Nel Medioevo si diffuse il "faldistorium", ossia un sedile a forma di X senza schienale realizzato generalmente in metallo. Il "faldistorium" aveva la funzione di sedile regale nelle corti ma era molto usato anche nelle chiese degli alti prelati; le altre persone generalmente sedevano su semplici sgabelli a tre o quattro gambe di forma geometrica, solitamente rettangolare ma anche quadrata, circolare e triangolare.

Nel Quattrocento gli sgabelli si arricchirono di una spalliera di legno e nacque il tipico "sedile Strozzi".

Verso la fine del secolo si diffusero anche le sedie semicircolari "a pozzetto" e le "savonarola" pieghevoli.

Nel Cinquecento, pur proseguendo la moda di "sgabelli" e "savonarole", vennero realizzati i primi esemplari di "seggiolone", l'antenato della poltrona; dalla metà del Cinquecento iniziò la consuetudine di imbottire e foderare il piano e lo schienale delle sedie.

Nel Seicento anche lo sgabello divenne imbottito, acquistando definitivamente la classica forma ovale o circolare; i seggioloni si presentavano ricchissimi di decorazioni, intagli e dorature.

Nel Settecento, con la nascita della vita di società, il seggiolone si trasformò definitivamente in poltrona e comparvero i primi divani. Le sedie, fastose nelle decorazioni, si differenziarono in una grandissima varietà di tipi.

Dalla fine del Settecento, con l'avvento del Neoclassicismo, le sedie tornarono ad essere austere, con poche decorazioni e gambe dritte; solitamente venivano realizzate con legni scuri e potevano essere arricchite da dorature o inserti in ottone.

Tipiche del periodo le sedie "en gondole" e le "klismos", ispirate al modello greco.

Dagli ultimi anni dell'Ottocento, l'Art Nouveau introdusse la moda dei mobili combinati, che quindi avevano forma fluente e unificante.

Le sedie si presentavano particolarmente minute, con esili gambe e decorazioni minuziose.

Nei primi anni del Novecento, con l'Art Déco, comparvero le sedie "a cubo" e i sedili di vimini.

categorie correlate: arredamento |
INFO DAL SETTORE - ANTICA ROMA
esperti del settore: | per edil spa tr| falegnameria la torre snc pg| | | | arredamenti tanaceto di tanaceto rosella pg|

A tavola nell’Antica Roma

Durante l’intero corso della civiltà romana le tipologie di tavolo si differenziavano a seconda degli usi cui ognuno era adibito: le tavole "cultuali" venivano usate per le offerte alle divinità che non si bruciavano sull'ara; la "mensa ponderaria" era una grande tavola collocata in un luogo pubblico della città.

Non mancavano inoltre tavoli destinati alle case private: i tavoli domestici erano anzi presenti fin dall'età omerica.

Per il pasto i romani si servivano di tavolinetti di dimensioni ridotte, uno per commensale, che venivano rimossi dopo aver mangiato; inizialmente molto semplici, questi tavoli si arricchirono con l'evolversi della civiltà.

Nelle case si poteva trovare l'"abaco", piccolo e destinato a sorreggere vasi e oggetti artistici. Sempre a Roma, ma di origine greca, la "mensa delphica" era una tavola con un'unica gamba centrale, la cui estremità inferiore si divideva in tre piedi.

Questi tavoli erano molto ricchi di decorazioni, realizzati con legno, marmo o bronzo e scolpiti a figure umane o animali.

Altri tavoli abbondantemente decorati avevano forma rettangolare, con quattro gambe incrociate o riunite a due a due, e cambiavano nome a seconda del materiale con il quale venivano realizzate, che di solito era legno o marmo.

Esemplari bellissimi erano ricavati dal legno di cedro e venivano chiamate "mensae citreae".

Le loro decorazioni erano in avorio, oro, argento, rame, pietre preziose.

categorie correlate: arredamento |

 

arredamento - per saperne di più

Cosa c’è dietro la sedia?
la storia di uno dei più comuni componenti d’arredo.
leggi...

Info dal settore - Antica Roma
A tavola nell’Antica Roma
leggi...

Letti a castello, pupazzi e carillon
la stanza dei bambini, un ambiente che “cresce” insieme ai suoi abitanti
leggi...

Non un divano qualsiasi…
Le caratteristiche giuste del “nostro” divano
leggi...

I vantaggi di arredare su misura
Scegliere soluzioni su misura per l’arredo della propria casa solo in qualche caso presenta lo svantaggio di un costo finale più alto rispetto alle soluzioni “industriali”
leggi...

Il mobile
I primi esemplari di mobili furono elaborati solo tra il 1200 ed il 1460
leggi...

Info dal settore - Il successo dello stile etnico
I segreti di luoghi lontani….
leggi...

Quando la sedia zoppica…
Tra gli inconvenienti più comuni, e anche più facili da riparare, che possono capitare a una sedia…
leggi...

Info dal settore - Gli scenari per il mercato del mobile in Italia
Per il 2008 la propensione al consumo di mobili è prevista salire lievemente….
leggi...

Creatività in cucina: i mobili componibili e su misura
La componibilità è alla base di tutta la produzione di mobili per cucina.
leggi...

Il Divano
Per il relax e non solo…
leggi...

La Cucina
Consigli per la scelta
leggi...

La cucina ergonomica
Il giusto rapporto spaziale tra i vari elementi
leggi...

I mobili impagliati
Un classico dell’arredamento..
leggi...

La camera da letto
Quando è piccola..
leggi...

L'arredamento
Gli stili
leggi...

Scegliere l'arredamento
Consigli per iniziare…
leggi...

I tipi di letti
Il migliore dei letti possibili…
leggi...

Il legno…
…prima di diventare un mobile…
leggi...

Camera, cucina e bagno…
….Ed è già CASA!
leggi...

 

PagineSì S.p.A. p.iva 01220990558 - Cookie